mercoledì 13 agosto 2008

Grazie!

13/08/2008

Ho provato profonda soddisfazione nel sapere che il mio post sul Popolobue ha riscosso molto successo. Lo dimostra l' improvvisa impennata di visite al mio blog, nei due giorni successivi alla pubblicazione del post(si veda in figura sopra) che è stato anche diffuso in rete.
A diffonderlo, per primo, in rete, è stato il responsabile della rivista italiana antifemminista, al quale, ne approfitto, per rendergli pubblicamente la mia gratitudine e la mia riconoscenza.

Ho ricevuto un gran numero di commenti e messaggi di complimenti e di felicitazioni per il mio articolo, a cui si sono aggiunti, quelli, inevitabili, dei provocatori popolisti che si sono sentiti chiamati in causa, perchè, evidentemente, ho toccato loro un nervo scoperto.

Ma nel mio articolo non vi era nessun intento nichilista o provocatorio, semplicemente, ho voluto dare un piccolo contributo nella denuncia dell' ipocrisia del popolino stolto e idiota; una massa maggioritaria e silenziosa che si trincera dietro al perbenismo conformista per coprire e nascondere la propria stupidità e miseria morale. Di fatti il cittadino-bue dice: "io non rubo, non uccido....quindi sono una persona per bene", e, così, solo per l'osservanza di alcune leggi penali sulla convivenza civile,costui si sente in regola di fronte alla propria pseudo-coscienza.

Il cittadino-bue è la più evidente espressione dell' annichilimento della ragione e della dignità umana; egli crede ed obbedisce, senza porsi dubbio alcuno, a qualunque cosa gli venga detta o presentata dal Regime. Perchè è stupido. Se ad, esempio, tv e giornali dicono che "la prima causa di morte delle donne italiane è la violenza maschile", cosa fa il cittadino bue? Contesta questa tesi palesemente assurda? O, almeno, gli viene qualche dubbio? No. Egli annuisce e dice: "Tette e Culi" e predispone, di conseguenza, il suo vivere e il suo modo di pensare in funzione di questa tesi che per lui è un dogma. Al contrario, invece, del cittadino non bue, che, di fronte a questa impostura, affermerebbe: "No, aspettate, non prendetemi per i fondelli...fatemi vedere le statistiche sulle morti dei cittadini italiani, stilate ogni anno dall' Istat.".

 Questo è solo un esempio, fra gli infiniti che si potrebbero fare, atto a mostrare come l'ignoranza e la stupidità possano trasformare un essere umano in un automa vivente. Si capisce bene, quindi, come sia estremamente doveroso per quella minoranza di cittadini non buoi dare il proprio contributo nel combattere questa criminosa aberrazione.

Non che si esca vincitori, ma perche è un dovere nei confronti della verità e della giustizia. Fermo restando che la necessaria e doverosa presa di distanza dal popolino, non deve essere assolutamente confusa con l' asocialità, anzi, al contrario, le due cose devono e possono-se si vuole-andare l' una contro l'altra, questo perchè il combattere la stupidità e le depravazione della massa non ha e non deve avere nessun intento distruttivo, ma al contrario deve essere finalizzato nel costruire una società migliore fondata sugli ideali di pace, di tolleranza, e di fratellanza.

11 commenti:

mario ha detto...

Sei grande Attila, sei stato devastante con il tuo articolo sull' ipocrisa del popolobue!

Attila ha detto...

Grazie!

AntiFeminist ha detto...

Ottimo, praticamente hai raddoppiato le visite, mi fa molto piacere! Le critiche dei maschiettini-di-merda sono irrilevanti, anzi prendile come il segno che stai facendo un buon lavoro... queste caccole affiorano come vermi dalla melma quando si va a toccare qualche "nervo scoperto"... sono l'unità di misura con cui verifichiamo se la nostra azione sta avendo successo oppure no. Più di questi vermetti insignificanti ci danno contro, meglio è!

Ciao


ps. segnalo anche uno dei rari (ultimamente) aggiornamenti sul mio sito.

Attila ha detto...

Hai ragione, subire le critiche dal popolo bue va a nostro onore.
Sì, proprio stamattina ho visto il tuo aggiornamento. Interessante. Donne sopra i 48 anni infelici? Ma quelle non si accontentano mai, per questo. Ora si spiega anche perchè le donne cinquantenni, con pochissime eccezioni, stando a numerose ricerche,sono delle svergognate adultere.
Ciao

AntiFeminist ha detto...

A proposito di PopoloBue:

http://soslombardoveneto.blogspot.com/2008/08/verona.html

Mò uno non si può nemmeno mangiare un Kebab su una panchina, che arrivano questi fascistelli della minchia (magari anche con qualche poliziotta/soldatessa che detta loro gli ordini...) e gli fanno buttar via il panino e lo cacciano dalla panchina.

Deboli con i forti, e forti con i deboli: così sono le nostre "Forze Armate" finocchio-femministe. Tra soldati maschi che si fanno prendere a calci nelle costole da "soldatesse" mentre fanno le flessioni, a poliziotti che prendono ordini da donne in divisa. E adesso cacciano dalle panchine uno "straniero" che si mangia tranquillamente un kebab (che si doveva mangiare, un panino alla polenta, per non venir cacciato via ?).

Ciao...

Attila ha detto...

Grazie per la segnalazione! Il mondo alla rovescia dove viviamo. Spesso qualcuno se la prende con i politici, in realtà se i politicanti fanno certe cose è perchè il Popolobue vuole così.Più democrazia di questa??!!! Il Popolobue vuole "sicurezza", la sera si deve guardare Lucignolo, Veline o Miss Italia, ha paura degli "scostumati", degli emarginati. Le donne che comandano sugli uomini? Di chi è la colpa? dei maschi pentiti che le hanno dato questo potere!


E' meglio che non parlo di
Verona....altrimenti rischio io di diventare razzista...Mi limito a dire che la Lega è il partito che più incarna gli umori del Popolobue!

Mirko ha detto...

Grazie Attila e di nuovo scusami per essere uscito fuori argomento. Comunque è stato bellissimo il tuo articolo sul popolobue, ho visto che è stato pubblicato in varie parti della rete guadagnandoti profondi elogi e ammirazione. Un grazie anche al sito Antifeminist cui seguo frequentemente.

Anonimo ha detto...

MORALISTA!

xy ha detto...

Bravo, Attila..invece siamo noi che ringraziamo te! L'unico neo: sei napoletano, purtroppo..però per il resto sei grande!

Attila ha detto...

xy: invece io sono orgoglioso di essere napoletano!!!! E' un punto a mio favore!!

AntiFeminist ha detto...

Caro "Anonimo", e che c'entrano le donne adesso ? Si parlava di Popolo Bue, ma il tuo delirio ti impedisce di aprire gli occhi e vedere la realtà. Io, ahimè, la vedo benissimo la realtà.

Ciao


ps. io non sono della Lega. E tu, invece, hai la tessera di Rinfondazione Comunista ? Oltre a finocchi e transessuali, non sapete più di che altro occuparvi...