sabato 5 aprile 2008

Giuliano Ferrara e le Femministe


12 commenti:

Bimba ha detto...

Perchè non pubblichi anche la poesia a cui accenni nell'ultimo pezzo del tuo post??

Attila ha detto...

...perchè potrebbe urtare la sensibilità di qualche internauta..eheheh
e poi non sono portato per le rime..però quasi quasi ci penso a tradurre la mia ispirazione in qualche poesia

Bimba ha detto...

Le poesie migliori sono quelle non in rima.. La poesia è una forma d'arte suprema a volte molto persuasiva e inebriante!!!

Jonny Tex ha detto...

Non hai + argomenti?

Stella ha detto...

Ciao attila, eccomi qua, il tuo "invito" mi ha incuriosito molto soprattutto dopo aver letto il contenuto del tuo blog e i vari commenti..Come mai proprio me, cioè una donna??

Attila ha detto...

Ciao..io il mio obbiettivo è quello di far allontanare quante più persone possibili, uomini o donne che siano, dal femminismo. Il femminismo rende molto brutte le donne. Le donne si devono rigenerare....
grazie per la tua visita

Stella ha detto...

Non c'è di che.Esprimo ora un mio parere, da persona normale,non da aderente a qualsiasi movimento. Molte delle donne che si macchiano di violenze e reati a danno degli uomini + che essere femministe sono vittime del degrado sociale e dell'ignoranza in cui si trovano..Per intenderci non credo affatto che colei che ha sfigurato il marito con l'acido o la stessa Bobbit di cui ho letto tutti i vari commenti sul tuo blog si siano comportate così in nome del femminismo.Piuttosto penso che vivessero in uno scenario aberrante in cui si siano venuti a creare i presupposti per quei reati, se chiedessi loro cos'è il femminismo probabilmente non ti saprebbero rispondere. Come a mio parere tutte le donne (quanto gli uomini) che commettono delle violenze non lo fanno in nome di una causa, quanto piuttosto in virtù di caratteristiche intrinseche nell'essere umano (o disumano se vuoi) spesso avvantaggiate dal background sociale in cui si trovano.
Che poi ci sia una strumentalizzazione di questi avvenimenti non saprei. In ogni caso io combatterei + volentieri l'ignoranza e il degrado sociale che come ribadisco sono, secondo me, motivo delle + atroci violenze sia da parte degli uomini che delle donne.

Attila ha detto...

Sono d'accordo con te, ma io ritengo che certe forme di violenze sono dovute anche alla cattiveria, oltre che al degrado sociale. Tuttavia, la cosa che mi fa rabbia è che questa società ha diffuso un immagine a senso unico: la donna, sempre buona, a prescindere, incapace di far del male, mentre su sul genere maschile si abbatte una criminalizzazione continua. I mezzi d' informazione diffondono menzogne e dati fasulli, ad esempio che 15 milioni di donne italiane subiscono violenza oppure che laprima causa di morte delle donne italiane sia laviolenza da parte degli uomini.Che menzogne!
Mentre se è la donna a far violenza, non fa notizia, oppure se fa notizia, vine se non giustificata, almeno capita, vedi il caso Franzoni e tante madri assassine dei loro figlioletti.

Anonimo ha detto...

Ma cosa vai dicendo? Gli episodi di cui parli si contano sulle dita di una mano! Gli infanticidi da parte delle madri sono, perlopiù, derivanti da patologie psichiche, come è anche successo a quel padre francese a Roma. Invece, le violenze di cui sono oggetto le donne che hanno OSATO lasciare i propri mariti o fidanzati sono ben + frequenti, mi risulta!!! Ma perché gli uomini non accettano mai di essere mollati senza dare fuori di testa?

Attila ha detto...

"Patologie psichiche"..siamo alle solite: se una donna uccide, è perchè è "depressa" o "vittima del patriarcato". Il solito atteggiamento assolutorio nei confronti delle azioni delle donne. Certamente, a volte può capitare che non stiano bene con la testa, ma nella maggior parte dei casi, sono assolutamente sane mentalmente. Per quanto riguarda gli uomini che "vanno fuori di testa" quando vengono mollati dalle proprie donne, io non giustifico affatto eventuali azioni violenta, ci mancherebbe altro, però cara anonima(ma sei quella dell'altra volta?), devi sapere che quando si calpestano i sentimenti umani, distruggendo moralmente e psicologiacamente una persona, abbandonandola(e come se non bastasse,fregarsi casa, figli e soldi), a volte, purtroppo scappano questi gesti folli. Ma non sempre scappano. Nella maggior parte dei casi, i mariti mollati dalle proprie mogli, cadano nella depressione e/o nel suicidio. Questa è la forma più efferata di violenza. Perchè,a torto, non è punibile per legge.

Egidio ha detto...

Io sono d'accordo con molte idee del femminismo ma secondo me le femminise sbagliano quando sono intolleranti. non possono pretendere di censurare le idee difformi dalle lore, anche quando riguardano i loro corpi.

Egidio ha detto...

Io sono d'accordo con molte idee delfemminismo ma secondo me le femministe sbagliano quando sono intolleranti. Tutti hanno dirittodi esprimere opinioni, anche sui corpi delle donne coì come sui corpi degli uomini.