mercoledì 10 giugno 2009

Velina, ergo Femminista

10/06/2009
Il clamore suscitato, in questo ultimo periodo, dal diretto e caloroso rapporto di amicizia e stima che il premier Silvio Berlusconi ha avuto nei confronti di veline e soubrette varie, ha ridestato violentemente l'annosa e quanto monotona polemica femminista a riguardo della presunta "mercificazione del corpo femminile ad opera del maschilismo".


Le analisi che ne sono uscite fuori su giornali, riviste e tv, non hanno fatto altro che ricalcare le tipiche litanie femministe, che puntualmente vengono recitate ogni qualvolta si parla di donne e dei loro corpi. Nella bufera delle polemiche che si sono susseguite, a finire nell' occhio del ciclone è stato il mondo delle veline e soubrette oltre al già citato premier. A quest' ultimo il mondo politico(a cominciare dal PD di quel gentiluomo zerbino di Franceschini) e la stampa, hanno contrapposto la figura dell' ormai ex moglie di Berlusconi, Veronica Lario, rivestendola di quella patina di moralità e spiritualità allo scopo di consolidare il già di per se affermato e radicato stereotipo romanzato e romantico sulla perpetua e intrinseca innocenza e "immacolatezza" della figura della donna-moglie- madre che deve far fronte-sempre stando a tale stereotipo- all' incapacità e immoralità dell' uomo-marito-padre. Tutto in perfetta sintonia con il Male-Bashing che imperversa dappertutto, in forza di ordini istituzionali.

Nulla di nuovo, quindi. Peccato che invece nessuno ha ravvisato la profonda scorrettezza della signora Lario, che di fronte a problemi coniugali e intimi con il marito, anzichè esporli privatamente ad un avvocato matrimonialista, ne ha fatto, invece, un caso di dominio pubblico andando a strombazzarli e a sbandierarli su quotidiani e tv, trasformando quindi i problemi familiari in un osceno teatrino a base di pettegolezzi, gossip e colpi bassi.

Quindi se Berlusconi si è comportato in modo irresponsabile-e su questo non c'è ombra di dubbio- la sua ormai ex moglie si è comportata infinitamente peggio, anche in considerazione del fatto che quest' ultima non è nuova a queste cose, ad esempio quando qualche anno fa mandò e si fece pubblicare una lettera da Repubblica in cui criticava il comportamento del marito su questioni private non certo politiche.

Insomma, il vezzo ce l'ha e la voglia della propaganda mass mediatica e politica di strumentalizzare queste vicende per buttare discredito sulla figura maschile,altrettanto. Ma tant'è.


Ritornando alla questione dell' esposizione del corpo femminile, di tale problematica in questo blog ne abbiamo già ampiamente parlato e discusso. Ma sarebbe utile, fare una volta per tutte una dettagliata e precisa schematizzazione-a guisa di manuale-e che ben riassuma tutte quelle considerazioni fatte da me tempo addietro intorno alla questione dell' esposizione del corpo femminile e di un suo presunto collegamento con un altrettanto presunto maschilismo. Vediamo:


1)Le donne, in quanto esseri umani, sono capaci di intendere e di volere, e quindi sono assolutamente in grado di stabilire autonomamente se accettare od opporsi ad una determinata situazione. Hanno un cervello preposto a tale funzione.

2) Quindi se certe donne vanno a fare le veline o cose simili,tipo facendosi riprendere e fotografare nude o seminude, ciò è perchè, evidentemente, esse hanno deciso autonomamente di fare così, semplicemente perchè a loro piace fare così. Nessun "maschilista" o "padre-padrone" le obbliga, anzi da più parti, in ambito maschilista, la costante e dilagante esposizione del corpo femminile viene definita "cultura della troiaggine".

3)Quindi, il tanto urlato e quanto inesistente "maschilismo" non c'entra nulla con il fenomeno della "mercificazione del corpo femminile". Nessun "padre-padrone" e "patriarcale", del resto, oserebbe mai pretendere che la figlia vada a fare la velina o comunque a "smutandarsi" fuori di casa.

E ad esempio, se-come spesso accade- certe studentesse universitarie si fanno fotografare nude, e poi lasciano divulgare tali fotografie alla stampa, ciò non è perchè qualche docente "maschilista" ha chiesto o obbligato loro di fare così, ma, al contrario, è perchè loro, di propria iniziativa, fregandosene e facendosi beffe del buon costume e della decenza, e della contrarietà e ira dei loro genitori e fidanzati, si divertono svergognatamente ad esibire il loro corpo, magari anche con la speranza di acquisire fama, successo e denaro.

La cultura patriarcale e maschilista,invece, ha da sempre promosso e auspicato un' immagine marcatamente pudica e casta della figura femminile. Al contrario del femminismo e di parte delle donne che da sempre ha e hanno rivendicato il diritto di ostentare la sessualità femminile.Quindi l'affermazione secondo cui la mercificazione del corpo femminile sia da attribuire alla presunta società "patriarcale e maschilista" è una menzogna, fra le tante.

4) A valle dei tre precedenti punti, osserviamo un' intollerabile contraddizione nelle invettive femministoidi. Infatti, se ad esempio, si fomenta e incoraggia l' esibizione del corpo femminile(come fa Berlusconi e buona parte dei maschi occidentali) si viene tacciati di "maschilismo" perchè a dire delle femministe si diffonderebbe l'immagine della "donna-oggetto" . Se al contrario, invece, ci si oppone a tale esibizione del corpo femminile, lo stesso si viene considerati "maschilisti", perchè a dire delle stesse femministe, si opprimerebbe la libertà sessuale delle donne.

 Ma si può sapere, quindi, quando si ha che fare con il maschilismo?Purtroppo questa contraddizione può essere spiegata solo si tiene presente che quando la menzogna fatta dogma attraverso la manipolazione mentale, fa dire tutto e il contrario di tutto a seconda della circostanza del momento in questione e senza che nessuno tra le persone manipolate ravvisi tale mostruosa contraddizione. Questa è la sola ed unica spiegazione.

5) Quindi è proprio è soprattutto al femminismo che va addebitato il velinismo e ogni forma volgare e becera rappresentazione del corpo femminile. Il femminismo, in quanto cultura distruttiva e immorale, ha da sempre attaccato e criminalizzato i valori della sobrietà del vestiario femminile, della compostezza nel modo di vestirsi, della fedeltà coniugale e quant'altro.

 E la tanto sbandierata e reclamata "libertà sessuale delle donne" tanto cara al femminismo, proprio in questo è consistita: opporsi ad ogni barriera morale sulla sessualità femminile,  e sulla famiglia, cioè fare "ciò che pare e piace alle donne", anche a scapito degli altri. Insomma, un concetto di libertà, nel senso "berlusconiano" della sua accezione. La logica della Jungla, quindi.

6) Appurato, quindi, nella maniera più oggettiva, di come sia proprio il femminismo la causa di tutto ciò,è facile comprendere anche il perchè di tutta questa ampia critica,da parte dei movimenti femminili, nei confronti "mercificazione del corpo femminile".

Questo perchè ciò è solo un pretesto che invece cela la comprensibile invidia e risentimento di tante donne nei confronti delle veline e simili su cui milioni di occhi maschili sono gustosamente puntati. E non certo per una visione negativa di tale modo di comportarsi e vestirsi, perchè come abbiamo detto prima, sono proprio le femministe(e con loro, parte di tutte le altre donne) ad andare vestite succinte come le veline, e reclamando e rivendicando questo loro cosiddetto "diritto" contro "l'oppressione maschile". Salvo poi dare addosso un' altra volta al "maschilismo" se, invece,al contrario, questa esibizione del corpo femminile viene incoraggiata da qualche maschio.

7) L'affermazione secondo cui l'opposizione nei confronti del velinismo sia da ascrivere al fatto che con ciò le televisioni e riviste darebbero un' immagine distorta e a senso unico della donna,non è nemmeno da prendersi considerazione, perchè truffaldina e mendace.

A questa misera scusa si può rispondere in questo modo: ma le femministe e tutte quelle donne che vanno vestite in modo succinto, quale immagine alternativa della donna danno rispetto a quella che ne danno le veline? L'immagine in primo piano di quel sedere di quella donna "indipendente, impegnata,coraggiosa,sorprendente,rivoluzionaria, intelligente, generosa,essenziale e indomabile" che compare in primo piano sul quotidiano femminista dell Unità, quale immagine alternativa dà rispetto a quella offerta da una carfagna qualunque o comunque da tutte quellle donne(offesa di tante donne per bene) che ottengono successo e carriera attraverso la seduzione e il ricatto sessuale? Quello delle veline non è, forse, il modo di vestirsi e di comportarsi tanto rivendicato e difeso dal femminismo, applicato al mondo dei Mass Media?

E comunque non si capisce che differenza c'è tra esibire pubblicamente agli estranei il proprio corpo nella vita di tuti i giorni, e quello invece di esibirlo attraverso televisioni e riviste: sempre, comunque, occhi maschili sono puntati su di loro, nell' uno e nell'altro caso. Quindi, la sostanza non cambia.

8) Quindi le veline e, in generale, tutte coloro che esibiscono il loro corpo in tv e riviste, non sono affatto un' offesa alle donne-come da più parti si ripete in continuazione-in quanto, al contrario, sono, invece, rappresentative di una parte consistente dell' universo femminile.

9) Il fatto-purtroppo vero-che alla maggior parte dei maschi piace l'esposizione del corpo femminile, non può e non deve servire come giustificazione o pretesto per tante donne di vestirsi e comportarsi in modo così scostumato e osceno. Anzi, dal momento che tanto livore antimaschile trasuda dalle parole d'ordine femministe , ciò dovrebbe costituire un incentivo a non esporre in modo così marcato le proprie grazie corporee agli occhi di quei maschi che tanto criticano e attaccano.

 Invece, no. Continuano imperterrite e rivendicano con rabbia il vestirsi in questo modo, e quindi si vede bene che il problema è un altro, cioè evidentemente non ne possono fare a meno, perchè è un loro modo di esprimere la propria falsa emancipazione, di ottenere complimenti e successi, di risalire posti nella società e di tenere soggiogati gli ormoni sessuali maschili. Tutto ciò si chiama sadismo, opportunismo, cinismo oltre che immoralità, scostumatezza e depravazione.

10)In conclusione, quindi, la questione del "velinismo" e della "mercificazione del corpo femminile" è un problema tutto interno al mondo femminile che, quindi, solo e soltanto le donne devono-se lo ritengono opportuno- affrontare e risolvere, e perciò è assolutamente disonesto tirare in ballo un presunto "maschilismo" della società di oggi. 


Le donne(e anche gli uomini) devono capire che libertà non significa fare ciò che si vuole, ma, al contrario, essere liberi di agire subordinatamente al rispetto nei confronti delle più elementari norme di convivenza civile, perchè ciò che contraddistingue e differenzia gli esseri umani dalle bestie è la Ragione, e la Ragione impone, fra le tante cose, anche di attenersi al senso della decenza e del pudore come si addice ad ogni essere umano, e perciò andare svestiti o comunque con le parti erogene ed intime scoperte o in bella vista attraverso vestiti attillati, è da bestie, e quelle donne(e uomini) che vanno vestite(e vestiti)in questo modo, semplicemente si comportano da bestie.

Se, poi in barba alle leggi costituzionali e penali sul "buon costume", molte donne si sentono legittimate ad esibire indegnamente il loro corpo per il solo fine di far eccitare(e con tutto quello che ne consegue),  facciano pure, però per piacere imparassero ad assumersene le responsabilità e ad accettarne le conseguenze, senza gridare contro un inesistente "maschilismo" e di smetterla una volta per tutte di addossare continuamente la colpa agli uomini, per coprire e mascherare le proprie mancanze ed errori.

 Le donne sono esseri umani, e quindi,con la stessa dignità, diritti e doveri degli uomini, e non certo pupazzi o creature divine immuni da errori ed esenti da doveri. Sarebbe bene che femministe e simili se ne ricordassero sempre.

8 commenti:

Carlo Zijno ha detto...

...basti ricordare che i cortei femministi, in anni già lontanucci ma non lontanissimi, bruciavano i reggiseni...
La contraddizione di fondo di certi discorsi "politicamente corretti" è proprio quella che hai colto tu: viene attribuito al maschilismo sia il contenimento dei costumi, sia lo smutandamento, ossia due fenomeni in reciproca contraddizione logica.
Confido che prima o poi, in questa società, qualcuno (più che qualcuna) faccia finalmente pace col cervello...
carlo

Anonimo ha detto...

...per quanto riguarda poi il discorso del vestirsi o meno in una certa maniera, non credo sia il vero problema o il centro interessante del discorso. il vestirsi come si vuole, ovviamente nei limiti della decenza, è un diritto che credo sia sacrosanto e che in fin dei conti non aggiunga nè tolga nulla all'essenza di una persona. come da proverbio, l'abito non fà il monaco e credo non stia scritto da nessuna parte che una donna con la gonna corta, o una bella donna, sia necessariamente una poco di buono o una cretina. quello che personalmente "contesto" di queste figure femminili in tv è il ruolo a cui sono relegate e in cui si auto-relegano, al di là dell'essere più o meno vestite. non si può non citare per esempio flavia vento rinchiusa dentro alla scatola di plexiglass nel programma di mammuccari, per citarne uno tra tanti. verissimo è che queste donne che accettano di apparire in questo modo, lo fanno spontaneamente e non vengono costrette da nessuno, ma danno un'idea della donna decisamente degradante e spesso, quando aprono bocca, tendono a confermarla al 100% (se non ad aggravarla). penso che il punto sostanziale dell'incazzatura delle donne oggi sia proprio questo. il valore e lo spazio esponenziale che i media danno a queste donne "senza cervello", e quello ben più misero che viene lasciato a donne che valgono sul serio. basti pensare che il simbolo della donna conduttrice in tv è la Carrà, ormai vecchia come i datteri, per far capire cosa intendo dire. il resto sono veline o vallette senza grande importanza. penso che effettivamente la "lotta" che le donne devono portare avanti sia contro quelle stesse donne che mercificano sè stesse dando un'idea globale di donna-oggetto decisamente rivoltante. è pur vero però che come da me detto nel commento precedente, il tutto è partito da un'idea di uomo che apprezza in particolar modo quel genere di donna, portandoci decisamente indietro a livello mentale, entrambi i sessi. e se la donna appare come una mignotta, l'uomo appare come un allupato segaiolo incapace di scollarsi dalla tv quando c'è la gnocca (e scusatemi i francesismi). è, tutto sommato, un aspetto sociale che ci rende tutti un pò più bestie. per quel che riguarda il problema di berlusconi e delle ragazze, per quanto mi riguarda non sarebbe nemmeno diventato un problema vero e proprio se non avesse avuto intenzione di candidarle al parlamento europeo, scelta che ha poi ritirato dopo la sfuriata mediatica della sua ormai ex moglie. a quel punto, si è andati ben oltre l'incontinenza ormonale, sconfinando in campo istituzionale e di interesse pubblico. di questo la signora lario và solo ringraziata, dato che dopo le sue esternazioni il numero delle veline candidate si è seriamente ridotto. per quanto riguarda il valore e la motivazione del suo uso di mezzi stampa per annunciare la cosa, penso che sia davvero difficile per noi capirlo o giudicarlo. è evidente che non essendo appunto la prima volta, ci sia qualcosa di sbagliato nel LORO di rapporto. ma non è davvero un problema nostro, a questo punto. non credo che lei volesse apparire come donna santa e tradita martirizzata da un marito farfallino dal momenton che non è che si siano conosciuti in convento...penso solo sia stato l'ultimo tentativo di una moglie di "spronare" il marito, forse l'estremo tentativo di cercare di reagire a una situazione ripetuta (i dialoghi berlusconi-saccà lo dimostrano)...chi lo sà. giudicare le dinamiche interne di una coppia non è mai facile e cercare di farlo non è giusto e non ci compete. certo è che appunto, per ciò che riguarda la sfera pubblica e politica della faccenda, possiamo solo dirle un sonoro GRAZIE...

giosinoi ha detto...

'naseeera.
"Credo che oggi sia diventato piuttosto un fattore di educazione sociale.." Anonimo coglie nel segno.
I diversi siamo noi ex-normali che insistiamo per riportare la degenerazione in un alveo accettabile e futuribile, affinchè sia possibile la sopravvivenza dell'istituto "famiglia".
Lo stato usando la magistratura si diverte alle nostre spalle lanciando tutti contro tutti, mentre loro acquisiscono potere.
Per tanto gli hanno immediatamente tolto di mano la possibilità di usare la tecnologia (intercettazioni) contro i cittadini: stavano per eseguire un colpo di stato mozzando tutta indistintamente la classe politica, indagando chiunque a futura memoria e convenienza.
Butto là un'altra affermazione che mi consiste da tutta la mia vita:
Buona parte delle femmine dà valore unicamente alla bellezza ed a niente altro, quale strumento per raggiungere il benessere e la realizzazione economico sociale.
Vale per gli altri come per se stesse, e schifano i propri figli se crescono brutti.
E' pesante dire ciò, mi rendo conto, ma ho osservato attentamente centinaia di casi con scrupolosità.
Inoltre una ampia percentuale (come del resto ampia pure dei maschi), è letteralmente incapace di amare, se non per autosuggestione su modello mediatico.
Se proviamo ad usare queste chiavi di lettura, le equazioni diventano semplici comparazioni prive di complessità dogmatica, e comprendiamo come la TV spazzatura riesca a fare tanti soldi...

Anonimo ha detto...

Ehm le femministe bruciavano il reggiseno in piazza non per mostrare le tette ma perchè il reggiseno era simbolo della mercificazione del corpo quindi se ci inoltriamo nei meandri del vero femminismo anni 70' credo che le veline in questione verrebbero bruciate insieme ai loro push up...detto questo credo che il velinismo vada "lavato" in casa delle donne, proprio come sottolinea Attila, il maschilismo non c'entra nulla, i maschi guardano il culo di chi lo espone, per non essere guardate basta coprirlo...è un fatto di pudore, la libertà ed il buon costume conta poco, il pudore o c'è o non c'è...

Fidelbogen ha detto...

Buon Giorno!

Anonimo ha detto...

Per Giosinoi: credo che la differenza tra fare un colpo di stato per colpire i cittadini e intercettare *anche* dei pezzi grossi sia del tutto evidente. La stavi dicendo bene, prima: "Lo stato usando la magistratura si diverte alle nostre spalle lanciando tutti contro tutti, mentre loro acquisiscono potere." Infatti loro, i politici aumentano il potere e la magistratura deve colpire i sottoposti e non loro. Anto.

Giubizza ha detto...

Dicesi "pucchiaccocentrismo".

Anonimo ha detto...

Sono proprio le donne che guardano le veline e ti chiedono: è carina vero?.
Bisogna mettersi in testa che le donne sono nevrotiche di natura, perche gli manca qualchecosa, e sono inferiori purtroppo, quando si parla di donne: la realtà dei fatti è un opzione, anzi la realta è un reato.